"ITALO" PASSIONE PER LA PIZZA

Quando un mestiere diventa ragione di vita

A pochi chilometri da Cosenza “Italo passione per la pizza”, in contrada San Benedetto di San Pietro in Guarano, accoglie gli amanti del piatto italiano più famoso al mondo, in un ambiente moderno e ben curato. A catturare lo sguardo è la postazione del pizzaiolo con il forno a legna in mosaico, sovrastato dal logo di Italo, uno spicchio di pizza margherita: la regina delle pizze.

Le pizze di Italo Cappone sono caratterizzate da bordi alti e soffici e materie prime selezionate. Alla base c’è uno studio, una logica. Una buona pizza è attenzione alle temperature, alla scelta e l’uso di certe farine piuttosto che di altre, è ponderare lievito e sale con molta precisione. Italo misura con cura tutti questi parametri, per offrire al cliente una pizza sempre più digeribile, perché “chi mangia le mie pizze - dichiara Italo - deve sentirsi soddisfatto, ma non appesantito.


L'impasto è il cuore della pizza. Senza un buon impasto non esiste una buona pizza. Per ottenerlo, sono necessari una farina di qualità e lunghe lievitazioni. Sono questi gli aspetti fondamentali per ottenere un prodotto buono al palato e sempre digeribile. La ricerca e la qualità di ogni singolo ingrediente, compresa la sua provenienza e il modo in cui viene trattato, fanno senza dubbio la differenza”.

 

Da “Italo passione per la pizza” l’ingrediente che non può mai mancare è la passione. “La passione è fondamentale – confida Italo - per creare un qualcosa di unico, secondo il proprio gusto e modo di intendere la pizza. La creatività poi, ti permette di sperimentare e accontentare anche i palati più ricercati. Di certo, quello che faccio ogni giorno è un continuo studio delle materie prime per proporre prodotti sempre di alta qualità”.

 

La continua ricerca, che ha spinto Italo a selezionare farine e sperimentare impasti diversi – allo zafferano e ai cerali - ha consentito di ricevere numerosi riconoscimenti, “ma il premio più grande – conclude Italo - è la soddisfazione del cliente, che torna e non si stanca mai di mangiare le mie pizze”.